Progetti realizzati

L’AVTA, attraverso il proprio “fondo promozione e restauro” in cui sono confluite le quote di accesso alla reggia dei visitatori, nonché le contribuzioni e liberalità di istituzioni, di enti pubblici e privati, di amatori, di utilizzatori della reggia e degli sponsor in genere, ha provveduto negli anni, oltre all’attività di gestione accessi alla reggia e alle opere di manutenzione ordinaria e controllo, anche a varie attività di recupero strutturale e funzionale, sotto l’alta sorveglianza della sovrintendenza.

Visite del cantiere Reggia Venaria Reale

Visite guidate per far conoscere agli OSPITI la realtà di quel periodo BUIO fino alla TRASFORMAZIONE e alla RINASCITA avvenuta attraverso l’organizzazione di cantieri che hanno permesso di raggiugere l’apertura al pubblico della Reggia.

La didattica con le scuole

Tra i fini dell’Associazione rientra anche l’attività formativa attraverso visite guidate di scolaresche, scambi culturali con le scuole di altre Regioni, progetti e stage con le Università, visite ai cantieri in corso, corsi di formazione pratici con docenti, convegni e mostre didattiche.
In tale settore di attività l’A.V.T.A ha sponsorizzato il plastico del Castello di Venaria Reale realizzato dall’artista Carlo Costantini che ha riproposto i materiali originali utilizzati nel complesso monumentale cioè cotto, intonaco, legno, rame, avendo così non solo uno scopo didattico ma soprattutto una visione d’insieme a “volo d’uccello” che permette di poter percepire l’immensità della Reggia, altrimenti non percepibile attraverso il percorso di visita.

Eventi e manifestazioni

GLI EVENTI  hanno stimolato sempre più l’interesse di Personaggi della Cultura, Industria e Politica, consentendo il rilancio artistico e culturale della Reggia, pur nel suo stato di rudere in contrapposizione ai pochi ambienti restaurati.

La passione dei volontari e le molteplici iniziative concretizzate dall’AVTA permisero di passare da 1.700 visitatori transitati nell’anno 1990 agli oltre 52.000 dell’anno 1998, numeri che costituirono parametri importanti per lo studio del flusso di turisti e per impostare il grande “Progetto di recupero e restauro del complesso della Venaria Reale”.

In questo modo è stato anche dimostrato come una buona organizzazione, la sinergia e la collaborazione possano in pochi anni risollevare le sorti di un edificio ruderizzato e sconosciuto agli stessi abitanti della città, raggiungendo risultati straordinari e producendo benefici all’intera città sotto l’aspetto ambientale, turistico e sociale.

Studi e ricerche

I volontari con l’assidua presenza del presidente dell’Associazione, hanno posto una particolare attenzione alla ricerca e recupero di reperti, tra cui un’accurata ricerca sul Damasco della Reggia, rinvenuti durante le opere di manutenzione o nelle fasi di cantiere, provvedendo ad una attenta catalogazione e realizzando depositi e magazzini con lo scopo di conservarne la memoria storica.

Oggi parte dei reperti conservati, dopo un attento restauro, sono stati ricollocati nelle loro sedi originali e parte sono in mostra nel percorso di visita.

Restauri

RESTAURI Attraverso il “fondo promozione e restauro” l’AVTA è anche intervenuta concretamente nella realizzazione di restauri di parti del complesso monumentale, sotto la direzione degli enti preposti.

Sono da ricordare i seguenti lavori: Torre d’ingresso alla Corte d’Onore con relativo restauro dell’Orologio e campana; parte del Castelvecchio ove poi è stata realizzata la seconda sede dell’AVTA; le 4 statue dei Dottori, la sacrestia della chiesa di S. Uberto e il riposizionamento e restauro della fonte battesimale, conservata nei magazzini; le due cappelle laterali all’altare, la nicchia-catino del battistero della chiesa di S. Uberto con relativi pavimenti; restauro di parte dei reperti archeologici rinvenuti alla Reggia e conservati nei depositi.

Bookshop

BOOKSHOP Ogni evento realizzato alla Reggia, lo studio approfondito dei reperti conservati  di arredo rinvenuti durante i lavori, sono stati l’occasione per creare – dopo approfonditi studi-  oggettistica interessante e di grande pregio attuando così vari settori.

Così sono nati la ”Via della Seta”, le “Ceramiche Artistiche” della Reggia, ” l’Arte del Vetro”, la “Linea dei Profumi della Reggia”, le “Specialità Gastronomiche, oggettistica in genere con lo scopo di RACCONTARE LA REGGIA mediante  l’aiuto di botteghe artigiane, attuando così anche un consistente e differenziato circuito di lavoro che ha interessato l’”artigianato di eccellenza” locale e nazionale.

Ripristino della Toponomastica Viaria Storica

L’A.V.T.A., tra i fini istituzionali ha posto anche particolare attenzione con Enti ed Amministrazioni pubbliche assumendo, tra l’altro, l’incarico dal Comune di Venaria Reale, di realizzare il “Ripristino della Toponomastica Viaria Storica” riguardante l’asse centrale alla Reggia, cioè via Andrea Mensa e le Vie collaterali, attraverso la progettazione e realizzazione di una doppia targa viaria, di tipo storica e contemporanea.

Leggii storici – Informativi

L’A.V.T.A. ha realizzato anche i “leggii storiciInformativi”, ubicati nei punti strategici della Via Andrea Mensa e dei palazzi avente interesse storico artistico, con il preciso scopo di FAR CONOSCERE al turista ed al cittadino le bellezze nascoste della città attraverso visite guidate con i propri volontari.